Laser Fibra Desktop 50 W

  • Codice:CK-FB50
  • Disponibilità:A magazzino, spedizione in 24h
  • Unità di misura: Nr
  • Prezzo: prezzo su richiesta, contattaci


LASER GALVO A FIBRA MODELLO OPEN MARCHIATO WL 50W
classe 4

LASER GALVO A FIBRA MODELLO MINI OPEN

Le sorgenti laser a FIBRA sono l'evoluzione delle sorgenti laser YAG. La lunghezza d'onda del raggio laser, e quindi tutte le sue caratteristiche fisiche e la capacità di lavorare i materiali, sono identiche per entrambi questi tipi di sorgenti laser.

 

Cosa cambia allora?

 

Il mezzo attivo

 

Nei sistemi laser YAG il mezzo attivo, grazie a cui si genera il raggio laser, è costituito da un cristallo di granato di ittrio e alluminio (YAG, appunto). Essendo un cristallo, esso deve essere posizionato su di un supporto meccanico, deve essere allineato in una certa direzione per garantire la corretta generazione del raggio laser. Oltre ad essere delicato e fragile, come tutti i cristalli, risente delle vibrazioni che, inevitabilmente, agiscono sull'intero sistema.

 

Tutte queste problematiche sono state risolte grazie all'utilizzo di fibre ottiche drogate di materiali particolari come mezzo attivo per la generazione del fascio laser.

 

Le fibre ottiche superano tutti questi problemi, quindi:

 

  • non necessitano di supporti      meccanici;
  • non devono essere      allineate;
  • possono essere torte,      arrotolate;
  • non risentono delle      vibrazioni;
  • possono essere torte o      arrotolate;
  • sono robuste.

 

Proprio come le fibre ottiche utilizzate nel campo delle telecomunicazione, anche queste hanno dispersioni minime, per massimizzare il rendimento del sistema, ovvero la conversione di energia elettrica in potenza laser.

 

Tutte queste stupefacenti caratteristiche fanno si che una fonte laser a FIBRA non abbia mai bisogno di manutenzione: la sua vita operativa sarà, quindi, pari a quella della macchina su cui è montata!

 

Laser a FIBRA

 

La lunghezza d'onda del laser a FIBRA è pari a 1,06 nm, pari a circa un decimo di quella dei laser CO2: a causa di questa differenza nella lunghezza d'onda, i sistemi laser CO2 e a FIBRA hanno campi di utilizzo, e quindi lavorazioni possibili, complementari.

SOFTWARE

Ezcad2 è il programma integrato di interfaccia CAM per il controllo e la gestione del sistema di marcatura laser. è in grado di fornire una valida interfaccia operatore/macchina ricca di funzioni modulabili

(di seguito brevemente descritte) di facile uso ed immediata comprensione.

 

LA PROGRAMMAZIONE

Ezcad2 importando files creati da sistemi CAD generici quali per esempio: CorelDraw™, Photoshop™, Type 3™, Laser Type™, Scanvec™, Cimagrafi™, Flexisign™, AutoCAD™, etc e/o creandone al suo interno; solo come testo alfanumerico. Ogni file importato è identificato da Ezcad2 come oggetto. Ogni oggetto può essere composto da uno o più profili ed ogni profilo può essere modificato e processato singolarmente. Ad ogni profilo può essere attribuito un colore che in seguito chiameremo penna, l’attribuzione di penne diverse consente l’assegnazione di parametri di lavorazione diversi. Il file ed i relativi parametri possono essere eseguiti e/o salvati in file di lavorazione . La programmazione in Ezcad2 si divide così in quattro fasi: - importazione; - manipolazione; - assegnazione parametri; - lavorazione.

 

IMPORTAZIONE FILE

 

Ezcad2 consente l’importazione di file di tipo vettoriale e bitmap. Di seguito sono riportate le tabelle dei formati nella loro versione completa. I file vettoriali importabili sono:

  • Dxf archi, linee e Layer
  • Hp-GI archi e/o linee e penna
  • Bmp
  • Jpg
  • Tif (Tiff)
  • Ico

 

 

MANIPOLAZIONE OGGETTI

 

Per rendere i file importati adattabili alla lavorazione Ezcad2 fornisce una serie di funzioni qui di seguito descritte:

  • Scala

ridimensiona ogni singolo oggetto per valori assoluti, in percentuale o in modo dinamico con mouse.

 

  • Ruota

ruota un oggetto in gradi rispetto ad un baricentro scelto dall’operatore.

 

  • Sposta

posiziona un oggetto sul piano di lavoro utilizzando coordinate relative, assolute o in modo dinamico con mouse.

 

  • Allinea

consente di allineare verticalmente e orizzontalmente due o più oggetti lungo un unico asse.

 

  • Cancella

elimina l’oggetto selezionato.

 

  • Abilita/disabilita

Abilita o disabilita gli oggetti da eseguirsi.

 

  • Dividi/combina

scompone un unico oggetto in più oggetti e viceversa.

 

  • Flip X, Flip Y

crea lo specchio verticale e orizzontale di un oggetto.

 

  • Copia

esegue la copia di un oggetto.

 

  • Duplica

crea una duplicazione dell’oggetto per numero di righe e colonne.

 

  • Riempimento

crea una serie di linee parallele che riempiono profili chiusi.

 

  • Ottimizzazione

chiude profili aperti, ordina la sequenza di esecuzione, ottimizza i tempi di esecuzione riducendo gli spostamenti a vuoto, ordina l’esecuzione di profili interni ed esterni.

 

  • Gestione profili

consente di selezionare manualmente la sequenza di esecuzione, rovesciare il senso di lavorazione dei profili, aggiungere punti di entrata ed uscita nel taglio di profili.

 

ASSEGNAZIONE PARAMETRI

 

L’assegnazione dei parametri avviene tramite l’utilizzo di interfacce grafiche che rendono semplice ed immediato l’utilizzo all’operatore. I principali parametri macchina/laser sui quali l’operatore può intervenire sono: potenza, velocità, Gap,

 



Lavorazioni possibili


Utilizzando una fonte laser a FIBRA è possibile eseguire con la massima precisione e sicurezza le seguenti lavorazioni:

 

  • marcatura tramite      cambio colore di materie plastiche;
  •  
  • marcatura tramite  ossidazione o scalfitura di metalli come
  •  
  • alluminio
  • alluminio anodizzato
  • ottone
  • rame
  • titanio
  •  
  • incisione di      metalli come
  •  
  • acciaio
  • alluminio
  • alluminio anodizzato
  • ottone
  • rame
  • titanio

 

COMPRESO NEL PREZZO UN PAIO DI OCCHIALI DI PROTEZIONE:

   
                            



 

 
 alcuni esempi di lavorazioni possibili:
lalcune lavorazioni laser fibra possibili
 Note:
le immagini e i colori sono indicative in base al modello e alla produzione possono variare, senza comprometterne le caratteristiche di base.




 

Caratteristiche tecniche Standard modello open:

 

piano di lavoro di lavoro (L x P): 100 mm 100 mm
Velocità di scrittura: 3m/s
Velocità di posizionamento: 7 m/s
Tipo di sorgente: tubo laser pulsato a FIBRA, raffreddato ad aria Potenze disponibili: 50 W
Lunghezza d'onda: 1064 nm

Classe di sicurezza laser: classe 4
approvato CE

 Sistema di sicurezza: sistema di sicurezza InterLock
Puntatore laser (655 nm, < 0,99 mWcw)
Asse Z manuale
Requisiti alimentazione: 220-230 V AC, 50/60 Hz, monofase Consumo massimo: 600 W Temperatura ambiente: da +5 °C a +35 °C
Umidità relativa: massimo 90 %, senza condensa
Protezioni: IP54 (testa laser), IP20 (unità laser)

Optional: Lente F=110 mm: area di marcatura 100 mm x 100 mm

LASER GALVO A FIBRA 

Le sorgenti laser a FIBRA sono l'evoluzione delle sorgenti laser YAG. La lunghezza d'onda del raggio laser, e quindi tutte le sue caratteristiche fisiche e la capacità di lavorare i materiali, sono identiche per entrambi questi tipi di sorgenti laser.

 

Cosa cambia allora?

 

Il mezzo attivo

 

Nei sistemi laser YAG il mezzo attivo, grazie a cui si genera il raggio laser, è costituito da un cristallo di granato di ittrio e alluminio (YAG, appunto). Essendo un cristallo, esso deve essere posizionato su di un supporto meccanico, deve essere allineato in una certa direzione per garantire la corretta generazione del raggio laser. Oltre ad essere delicato e fragile, come tutti i cristalli, risente delle vibrazioni che, inevitabilmente, agiscono sull'intero sistema.

 

Tutte queste problematiche sono state risolte grazie all'utilizzo di fibre ottiche drogate di materiali particolari come mezzo attivo per la generazione del fascio laser.

 

Le fibre ottiche superano tutti questi problemi, quindi:

 

  • non necessitano di supporti      meccanici;
  • non devono essere      allineate;
  • possono essere torte,      arrotolate;
  • non risentono delle      vibrazioni;
  • possono essere torte o      arrotolate;
  • sono robuste.

 

Proprio come le fibre ottiche utilizzate nel campo delle telecomunicazione, anche queste hanno dispersioni minime, per massimizzare il rendimento del sistema, ovvero la conversione di energia elettrica in potenza laser.

 

Tutte queste stupefacenti caratteristiche fanno si che una fonte laser a FIBRA non abbia mai bisogno di manutenzione: la sua vita operativa sarà, quindi, pari a quella della macchina su cui è montata!

 

Laser a FIBRA

 

La lunghezza d'onda del laser a FIBRA è pari a 1,06 nm, pari a circa un decimo di quella dei laser CO2: a causa di questa differenza nella lunghezza d'onda, i sistemi laser CO2 e a FIBRA hanno campi di utilizzo, e quindi lavorazioni possibili, complementari.

 

Lavorazioni possibili


Utilizzando una fonte laser a FIBRA è possibile eseguire con la massima precisione e sicurezza le seguenti lavorazioni:

 

  • marcatura tramite      cambio colore di materie plastiche;
  •  
  • marcatura tramite  ossidazione o scalfitura di metalli come
  •  
  • alluminio
  • alluminio anodizzato
  • ottone
  • rame
  • titanio
  •  
  • incisione di      metalli come
  •  
  • acciaio
  • alluminio
  • alluminio anodizzato
  • ottone
  • rame
  • titanio

 

 

Per maggiori informazioni si consulti la sezione del sito relativa alle lavorazioni laser.

 

Questo è possibile grazie alla grande stabilità e capacità di controllo che il sistema laser a FIBRA garantisce intrinsecamente.

 

Data la potenza nominale della sorgente, si può controllare in maniera precisa e costante la potenza da pochi punti percentuali al 100% della potenza.

 

 

 

 

Files e schede tecniche: